Skip to content

Your web resource on Hymenoptera Chrysididae and Macrophotography

avantiindietro Biogeografia dei Crisidi

I Crisidi sono presenti in tutte le Regioni zoogeografiche, tranne che in quella Antartica. I Cleptidi del genere Cleptes sono forse il gruppo più primitivo e antico dei Crisidi, per via delle loro abitudini alimentari (sono parassiti di Imenotteri primitivi come i Sinfiti). Si tratta di specie quasi esclusive dell'emisfero settentrionale (Regione Olartica), assenti - o quasi - nelle regioni tropicali. Anche gli Amiseginae sembrano essersi sviluppati nell'emisfero settentrionale e migrati nelle Regioni Orientale e Neotropicale in era Quaternaria e scomparsi altrove forse durante le glaciazioni. Stesso discorso per i Chrysidinae, attualmente dominanti nelle Regioni Paleartica e Neotropicale. I Chrysidinae delle altre Regioni sono derivati in tempi successivi.

La fauna della Regione Australiana è sensibilmente più povera rispetto alle altre Regioni e ha elementi in comune con la Regione Orientale. E' plausibile che i Crisidi abbiano conosciuto una notevole differenziazione evolutiva, come testimonia la mancanza di affinità fra le faune delle regioni separatesi dal "Continente Unico" (Gondwana) e l'endemismo di molti Generi.

L'attività umana è responsabile dell'ampia distribuzione attuale di alcune specie, tramite l'importazione di materiali ospitanti larve e adulti: legname, piante, canne, etc. Alcuni esempi di specie ad ampia diffusione: Stilbum cyanurum, Omalus aeneus, Pseudomalus auratus.

Palearctic
Afrotropical
Oriental
Australian
Nearctic
Neotropical
Cleptinae
-
Cleptinae
-
Cleptinae
Cleptinae
-
Amiseginae
Amiseginae
Amiseginae
Amiseginae
Amiseginae
-
-
Loboscelidiinae
Loboscelidiinae
-
-
-
Allocoeliini
-
-
-
-
Elampini
Elampini
Elampini
Elampini
Elampini
Elampini
Chrysidini
Chrysidini
Chrysidini
Chrysidini
Chrysidini
Chrysidini
Parnopini
Parnopini
-
-
Parnopini
-

 

Zoogeographic Regions

 

For citation purposes
Agnoli G.L. & Rosa P., Chrysis.net website, interim version 16-May-2012 , URL: http://www.chrysis.net/.