Skip to content

Your web resource on Hymenoptera Chrysididae and Macrophotography
elenco delle specieelenco delle specie

backGenere: Omalus Panzer, 1801

Sinonimia

Omalus Panzer 1801:13. Type: Chrysis aenea Fabricius 1787:284. Monobasic.
Homalus Saunders 1873:411. Invalid emendation of Omalus Panzer 1801.

Descrizione

Crisidi di piccola taglia, 2 - 8 mm, con corpo convesso. Testa di forma lenticolare con cavità facciale profonda e senza peli; spazio malare lungo meno di 1 MOD, con una carena longitudinale che lo divide orizzontalmente; mandibole corte e tridentate apicalmente; pronoto corto, mesopleure convesse, metanoto semisferico o conico; pronoto centralmente e scutum senza punteggiatura o con punti molto spaziati; mesopleure con solco scrobale orizzontale, che si estende dal margine latero-ventrale del pronoto alla scroba, con una singola carena; la carena transpleurale raggiunge l'apice dell'angolo propodeale. Femori anteriori carenati, unghie tarsali con 3-6 denti; ali anteriori senza cellula discoidale; T-I-III fortemente convessi, margine apicale del T-III con un' incisione nel centro. Distribuzione: il genere Omalus è diffuso ovunque, tranne che nella regione australiana; la maggior parte delle specie, comunque, è olartica. In Italia vi sono tre specie. Segmenti introflessi caratterizzati dalla forma della parte membranosa del S-V e S-VI, con i lobi antero-mediani molto sviluppati in avanti verso la forcella chitinosa.

Discussione

Il genere Omalus viene suddiviso in maniera diversa a seconda degli autori. Linsenmaier lo considera un genere unico, con 4 sottogeneri: Omalus s.s., Philoctetes, Chrysellampus e Elampus. Secondo Kimsey e Bohart (1990) il genere Omalus è diviso in 5 generi: Omalus s.s., Holophris, Pseudomalus, Philoctetes e Elampus, mentre Chrysellampus viene considerato come sinonimo di Philoctetes.

Le specie italiane

  1.  Omalus aeneus (Fabricius, 1787)
  2.  Omalus aeneus chevrieri Tournier, 1877
  3.  Omalus aeneus puncticollis Mocsáry, 1887
  4.  Omalus biaccinctus (Buysson, 1893)
  5.  Omalus chlorosomus mallorcanus Linsenmaier, 1959

 

For citation purposes
Agnoli G.L. & Rosa P., Chrysis.net website, interim version 20-Dec-2011 , URL: http://www.chrysis.net/.