Skip to content

Your web resource on Hymenoptera Chrysididae and Macrophotography
elenco delle specieelenco delle specie

backGenere: Pseudomalus Ashmead, 1902

Sinonimia

Pseudomalus Ashmead 1902:229. Type: Omalus semicircularis Aaron 1885:215. Orig. desig. and monobasic.

Descrizione

Crisidi piccoli e con forma generale del corpo convessa. Cavità facciale generalmente profonda e liscia, senza peli; spazio malare corto (minore di 1 MOD) con carena genale. Pronoto molto concavo lateralmente; mesonoto con punti sparsi, piccoli, eccetto che tra i notauli verso il margine posteriore dove sono molto grandi; mesopleure angolate, con unione di omaulus, verticaulus e della carena scrobale, solco scrobale obliquo; femori anteriori carenati ventralmente. Addome con T-I-III fortemente convessi, margine laterale del T-III leggermente sinuoso, generalmente con una profonda incisione nel mezzo.

Ospiti

Queste vespe sono parassite nei nidi degli sfecidi della sottofam. Pemphredoninae. Dal momento che le femmine di Pseudomalus non sono mai state osservate all'ingresso dei nidi dei loro ospiti, una possibile spiegazione è che le specie di Pseudomalus facciano aderire le uova sul corpo degli afidi (Homoptera) prima che questi vengano catturati dai Pemphredoninae (Veenendaal, 2011).

Distribuzione

Genere distribuito nella regione olartica, con il maggior numero di specie presenti nella Russia meridionale.

Discussione

Tenendo conto di questa classificazione (proposta da Kimsey & Bohart, 1990) Pseudomalus è il genere con il maggior numero di specie tra i generi che fanno riferimento a Omalus s.s. Il carattere principale per la divisione di questo genere è la punteggiatura del mesonoto, carattere che spesso si perde quando l'esemplare viene spillato.

Le specie italiane

  1.  Pseudomalus auratus (Linnaeus, 1758)
  2.  Pseudomalus meridianus Strumia, 1996
  3.  Pseudomalus pusillus (Fabricius, 1804)
  4.  Pseudomalus triangulifer (Abeille, 1877)
  5.  Pseudomalus violaceus (Scopoli, 1763)

 

For citation purposes
Agnoli G.L. & Rosa P., Chrysis.net website, interim version 10-Apr-2012 , URL: http://www.chrysis.net/.