Skip to content

Your web resource on Hymenoptera Chrysididae and Macrophotography

Review of the Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM lens

English ENG: At present this review is in Italian only.

4. L'obiettivo in azione

Macrofotografia e close-up

I soggetti "macrofotografici" che generalmente richiamano la nostra attenzione o sono decisamente statici (muschi, funghi, particolari di piante, etc.), o decisamente veloci e non sempre facili da avvicinare, come alcuni insetti dotati di 4 ali.

Nel primo caso scattiamo con l'AF disinserito, muovendo avanti e indietro il blocco fotocamera-obiettivo rispetto al soggetto, dopo aver impostato a priori l'ingrandimento desiderato. Nel secondo caso utilizziamo l'AF accoppiato al focus tracking (AI servo), dal momento che gli insetti tendono a muoversi in modo estremamente efficiente su qualunque superficie. Nel caso degli insetti che siamo soliti fotografare utilizziamo quasi sempre il flash anulare, dal momento che il flash a doppia torcia risulta un po' troppo ingombrante per essere infilato fra rami e vegetazione intricata. Nel caso dei soggetti statici cerchiamo di sfruttare la luce ambiente, a patto però, che vi sia una qualche soluzione di fortuna per mantenere una posizione comoda per scattare.

Abbiamo inserito di seguito alcuni esempi di entrambe le tipologie di macro. Tutte le immagini sono state scattate a mano libera.

Osservazioni a corollario: le immagini del Cranio, del Curculionide, del Muschio e dell'Ortottero sono scattate con luce naturale; l'immagine dello Scarabeide nero, che ha un torace lucido e bombato, rivela l'apparente "ammaccatura" dovuta al flash anulare, difetto intrinseco di questo tipo di flash con particolari soggetti. Le immagini del Gasteropode e dell'Opilionide sono state scattate con il flash incorporato della 40D, mentre le altre con il flash anulare Canon MR-14EX *.

 

Canon Macrolite Adapter 67 * Per il collegamento dell'obiettivo - che ha passo filtri di 67mm - ad un flash macro (MR-14EX o MT-24EX) è necessario acquistare il Canon Macrolite Adapter 67, che costa 35-50€.

L'anello ha passo posteriore di 67mm e passo anteriore di 58mm.

 

L'Autofocus ci è sembrato piuttosto migliorato rispetto al precedente in termini di precisione, ma non di velocità: quando abbiamo inseguito soggetti particolarmente nervosi (per metabolismo, non per carattere...) come Salticidi e Crisidi non abbiamo riscontrato incertezze o errori, a meno dei casi - ovvi - in cui ci avvicinavamo a meno della minima distanza di messa a fuoco.

Lo stabilizzatore non ci è parso incredibilmente interessante in macrofotografia, dove i micromovimenti del fotografo sono indispensabili a trovare il fuoco ottimale, senza che un dispositivo cerchi di compensarlo.

 

Oltre l'1:1 con i tubi di prolunga

Abbiamo testato l'obiettivo con tre tubi di prolunga Kenko Extension Tube, da 12mm, 20mm e 36mm. Questi sono semplici tubi senza elementi ottici, ma con la trasmissione dei segnali elettrici, per cui conservano le funzionalità relative ad esposizione e autofocus.

Abbiamo fotografato la seghettatura SpyderEdge di un coltello Spyderco Merlin a f/6.3 con flash anulare. Nonostante i tubi, risoluzione e nitidezza ci sono sembrate davvero notevoli.

Muovere il mouse sulle miniature per cambiare l'immagine sottostante.

Lama seghettata di un coltello Spyderco Merlin
Lama seghettata di un coltello Spyderco Merlin.

 

 

Table of the magnifications with Extension Tubes
Magnifications with 12mm and 25mm Extension Tubes (source: Canon).

 

 

Confronto diretto fra 100 Macro

Seguono alcune immagini scattate con entrambi gli obiettivi, a parità di esposizione. Le immagini non sono ridimensionate, ma semplicemente abbassate di risoluzione (72dpi) e di qualità. Abbiamo scelto soggetti che fossero caratterizzati da particolari fini, come parti apicali e pistilli.

 

 

 

For citation purposes
Agnoli G.L. & Rosa P., Chrysis.net website, interim version 30-Aug-2013 , URL: http://www.chrysis.net/.