Skip to content

Your web resource on Hymenoptera Chrysididae and Macrophotography

Test dell'obiettivo Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM

2. L'obiettivo in mano

L'obiettivo incute rispetto e trasmette un'idea di serietà: è compatto, pesante e opaco. Sembra quasi un oggetto di derivazione militare, con i riferimenti di colore bianco puro assolutamente visibili e quelli di colore rosso che spiccano in modo quasi irreale.

L'obiettivo è dotato di una ghiera gommata molto grippante. Il barilotto ha un'anima in lega di magnesio e un rivestimento termoplastico nero ed è completamente sigillato nei confronti degli agenti atmosferici.

In dotazione il paraluce, un sacchetto morbido e il libretto di istruzioni.

Ghiere e selettori

La ghiera di messa a fuoco è ampia e in ottima gomma morbida, sufficientemente intuitiva da trovare senza dover guardare (nonostante il barilotto non sia altrettanto "gonfio" come nel 100 Macro "non L") e dal movimento estremamente fluido. Un giro completo dalla minima distanza di messa a fuoco ad infinito richiede una rotazione di 160°.

La correzione manuale della messa a fuoco è consentita in ogni istante (FTM = Full Time Manual focusing).

I selettori sono tre e si presentano sul lato sinistro come interruttori appiattiti, per evitare il loro azionamento accidentale contro un qualunque ostacolo. A nostro parere, una forma così appiattita li rende molto meno intuitivi da azionare senza guardare rispetto al 100 Macro "non L", in cui gli interruttori erano sporgenti. In ogni caso, l'interruttore per il disinserimento dell'autofocus - che poi è quello che generalmente ci capita di azionare più spesso - è giustamente in posizione centrale rispetto agli altri e immediatamente raggiungibile col pollice della mano sinistra che impugna l'obiettivo.

Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM

Il limitatore della distanza di messa a fuoco consente di impostare la velocità dell'autofocus in base alla distanza prevista o più frequente. Se, ad esempio, dovessimo fotografare soggetti quasi tutti alla minima distanza di messa a fuoco, ci converrebbe impostare il selettore sul valore 0.3-0.5m. Se, invece, fossimo interessati a scattare alcune immagini di tipo close-up e paesaggi, allora potremmo impostare il selettore su 0.5-∞. Il limitatore aumenta notevolmente la risposta dell'autofocus.

ghiera delle distanzeLa ghiera delle distanze è stata posizionata sul davanti dell'obiettivo, a differenza del 100 Macro "non L", soluzione che approviamo in pieno, dal momento che ci capita di tenerla sott'occhio. I numeri sono riportati su tre righe:

  • riga superiore (colore giallo) = rapporto di ingrandimento;
  • riga intermedia (colore verde) = distanza in piedi;
  • riga inferiore (colore bianco) = distanza in metri.

Contatti e diaframma

Sul fondo del barilotto - fatto di alluminio - troviamo i consueti contatti elettrici per la regolazione del diaframma e per la trasmissione dei dati tecnici fra fotocamera e obiettivo.

Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM

Il diaframma è di tipo circolare con ben 9 lamelle e questa soluzione dovrebbe garantire un effetto bokeh "eccezionale" - come indicato dalla Canon stessa.

L'accoppiamento alla fotocamera è molto preciso e l'innesto presenta un certo attrito, anche grazie ad un bordo sporgente in gomma, segno di tolleranza strette e grande attenzione a limitare l'ingresso di polvere. La gomma utilizzata per il bordino ha la grande capacità di raccogliere polvere e per questo, purtroppo, è abbastanza difficile da mantenere pulita.

Paraluce ET-73

Il paraluce in dotazione è un oggetto di dimensioni siacuramente importanti. La fattura è ottima, con trattamento superficiale opaco e baionetta per l'innesto rapido molto efficiente.

Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM

La sua destinazione principale è sicuramente non macrofotografica, ma per fotografia generica o per ritratto.

 

Confronto fra 100 Macro

Come detto, il nuovo non sostituirà il vecchio.

Canon EF 100mm f/2.8 Macro USM vs. Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM
Canon EF 100mm f/2.8 Macro USM vs. Canon EF 100mm f/2.8L Macro IS USM

 

Ecco le caratteristiche dei due obiettivi a confronto:

  Canon EF 100mm f/2.8 Macro USM
EF 100mm f/2.8 Macro USM
CanonEF 100mm f/2.8L Macro IS USM
EF 100mm f/2.8L Macro IS USM
Costruzione
12 elementi / 8 gruppi
15 elementi / 12 gruppi
Fuoco interno
SI
SI
IS
NO
SI
Diaframma
8 lamelle
circolare, 9 lamelle
Min. distanza fuoco
0.31m (1:1)
0.3m (1:1)
Climatizzazione
NO
SI
Peso
600g
625g
Dimensioni
79x119mm
77.7x123mm
Diametro filtro
58mm
67mm
Prezzo
~ 500 EURO
~ 900 EURO

 

Alcune soluzioni tecniche - già vincenti nel modello precedente - sono state conservate: le dimensioni e il peso, l'autofocus veloce e silenzioso, la messa a fuoco interna, il massimo ingrandimento, la minima distanza di messa a fuoco.

Di completamente nuovo c'è lo schema ottico, ancora più complesso, la stabilizzazione, il diaframma e la costruzione complessiva. L'autofocus è stato solo impercettibilmente migliorato. Nel complesso, però, non ci pare una rivoluzione.

Dai risultati dei test sembra quasi che il nuovo obiettivo non migliori in modo incredibile il vecchio obiettivo dal punto di vista della qualità ottica, ma bensì da altri punti di vista: migliore adattabilità a condizioni ambientali estreme, grazie al fatto che il barilotto del nuovo 100 Macro è sigillato, e migliore versatilità, grazie all'efficace stabilizzatore d'immagine - in questo caso di tipo anche nuovo - e al diaframma circolare a 9 lamelle.

 

 

For citation purposes
Agnoli G.L. & Rosa P., Chrysis.net website, interim version 07-Sep-2010 , URL: http://www.chrysis.net/.