Skip to content

Your web resource on Hymenoptera Chrysididae and Macrophotography

avantiindietro La fotocamera

Che cosa Ť una fotocamera

Una macchina fotografica - o fotocamera - è un dispositivo utilizzato per catturare l'immagine di una scena reale impressionando un supporto sensibile, sia esso una pellicola o un sensore digitale.

Canon A-1
Una fotocamera della fine degli anni '70, la Canon A-1.

 

Una fotocamera moderna è costituita da un corpo macchina e da un obiettivo, fisso o intercambiabile. Fra obiettivo e fotocamera si interpone un diaframma comandato (elettro)meccanicamente dall'otturatore. Le fotocamere dotate di specchio interno si dicono reflex e consentono la visione diretta della scena inquadrata attraverso il mirino, proprio quella che sarà impressa su pellicola/sensore; quando l'obiettivo è intercambiabile si parla inoltre di SLR (Single Lens Reflex). Le fotocamere professionali sono generalmente SLR, di un formato adeguato alle necessità (35mm, medio formato, grande formato, etc.).

Il cammino ottico

Ecco lo schema del cammino ottico in una fotocamera reflex: la luce (1) entra nel corpo macchina (3) attraverso l'obiettivo (2) e giunge allo specchio reflex (4), che è in posizione di riposo. Lo specchio devia il fascio luminoso verso l'alto, dove il pentaprisma (5) provvede a predisporre l'immagine per la visione attraverso il mirino (6). Lo specchio, semitrasparente, lascia passare parte del fascio luminoso per i sensori esposimetrici e per l'analisi dell'immagine (8). La pellicola, o sensore (7), riceve il 100% del fascio luminoso quando l'otturatore, attivato dal pulsante di scatto, comanda il sollevamento dello specchio e la chiusura del diaframma.

cammino della luce in una fotocamera reflex
Il cammino della luce in una fotocamera reflex.

 

Fotocamera compattaNelle fotocamere non reflex, dette anche sbrigativamente compatte, l'obiettivo è generalmente fisso e le funzioni sono ridotte rispetto alle sorelle maggiori. Inoltre, il mirino ottico non "vede" il campo inquadrato dall'obiettivo ed è spostato rispetto all'asse ottico. Questo scostamento, detto errore di parallasse, è minimo alle medio-lunghe distanze, mentre diventa critico da vicino, per cui si rischia di acquisire una porzione di scena differente da quella inquadrata. La necessità di scattare accostando l'occhio al mirino è venuta meno con l'introduzione delle compatte digitali, in cui è sufficiente vedere la scena inquadrata direttamente sul monitor LCD.

Per citazioni
Gian Luca Agnoli, Manuale di Fotografia Chrysis.net, URL: http://www.chrysis.net/photo/.