Skip to content

Your web resource on Hymenoptera Chrysididae and Macrophotography

avantiindietro Aspetti operativi degli obiettivi

La messa a fuoco Ŕ l'operazione di rotazione che allontana o spaccato di un obiettivo fotograficoavvicina un preposto gruppo di lenti rispetto agli altri gruppi fissi e al piano-pellicola. Il gruppo di messa a fuoco pu˛ essere frontale, oppure essere interno al barilotto. Nel primo caso la messa a fuoco comporta una rotazione con allungamento elicoidale, mentre nel secondo caso l'obiettivo rimane di lunghezza costante e gli eventuali accessori frontali (filtri, flash anulare, etc.) non ruotano. Il problema della rotazione frontale si pone anche a proposito della variazione di lunghezza focale negli obiettivi zoom.

La luminositÓ di un obiettivo Ŕ il rapporto fra lunghezza focale e diametro dell'apertura massima del diaframma. Ad esempio, un teleobiettivo da 400mm di LF con diametro dell'apertura massima del diaframma pari a 50 mm avrà una luminositÓ pari a 400/50 = 8 e si indica con f/8.

formula: la luminosità di un obiettivo è il rapporto fra lunghezza focale e diametro dell'apertura massima del diaframma

 

Il diaframma

diaframmaI valori di diaframma come valori interi (1, 2, 4, 8, 16, 32, 64) sono i cosiddetti stop, mentre gli step intermedi sono frazioni di stop. Passando da uno stop a quello successivo (o precedente) il fascio luminoso si dimezza (o raddoppia), con una differenza di 1 stop. Passando da un valore intermedio al valore intermedio che lo precede o lo segue, il fascio subisce una variazione proporzionale alla differenza aritmetica.

Il diaframma Ŕ un sistema meccanico a controllo meccanico (elettromeccanico negli obiettivi moderni), composto da una serie di lamelle curve, dotate di un perno di rotazione fissato al barilotto e di un perno agganciato alla ghiera dei diaframmi: la rotazione della ghiera induce una chiusura o un'apertura contemporanea di tutte le lamelle.

aperture di diaframma di un obiettivo

Da sinistra a destra: chiusura progressiva del diaframma, che comporta una riduzione del diametro del fascio luminoso passante (quindi la necessità di regolare tempi di scatto via vià più lenti), ma l'aumento della profondità di campo.

 

sezione di un obiettivo

Per citazioni
Gian Luca Agnoli, Manuale di Fotografia Chrysis.net, URL: http://www.chrysis.net/photo/.