Morfologia delle vespe del genere Methocha

Ultimo aggiornamento 02 Settembre 2020

Morfologia della femmina di Methocha

Basic female morphology of Methocha
Modificato da: Goulet H. & Hubert J.T., 1993 - Hymenoptera of the world. An identification guide to families.
Antenna (1), Labrum (2), Mandibola (3), Palpo (4), Palpi (5), Zampa (8). Tratto da: Curtis J., 1824 - British Entomology. London, plate 329.

Habitus di Methocha articulata (Latreille, 1792)

Methocha articulata femmina e maschio, Ⓒ Linda Nyman & Mattias Starkenberg/ArtDatabanken
Methocha articulata femmina e maschio, Ⓒ Linda Nyman & Mattias Starkenberg/ArtDatabanken

Methocha articulata (Latreille, 1792) – descrizione della femmina

Methocha articulata. Da: Curtis J., 1824, British Entomology.

Corpo filiforme e simile a una formica, da 3.5 a 9.0mm, con una lunghezza modale di circa 6.0mm, un habitus splendente, solitamente non punteggiato o microscopicamente punteggiato, con interspazi lisci e riflettenti e pubescenza sparsa.

Testa e metasoma sono neri, mesosoma e zampe rossastri. La fronte è convessa. Gli occhi con pubescenza ridotta, ocelli presenti. Antenne composte da scapo, pedicello e 10 flagellomeri (F-I, F-II, etc.) 3-4 volte più lunghi che larghi, ad eccezione dei primi due, di colore rossastro, mentre gli ultimi flagellomeri sono brunastri.

Il mesosoma (ovvero il torace visibile, composto dal vero torace e dal propodeo) è rossastro con tre metameri delimitati da due restrizioni: protorace (pronoto), mesotorace (mesoscuto + metascuto) e metatorace (metanoto + propodeo). Mesotorace convesso, mesoscuto più stretto del pronoto e del propodeo; coxae mediane completamente scoperte; metatorace quasi sferico, propodeo rossastro. Zampe rossastre fino a rossastro scuro e sottili; femori e tibie allungate e sub-cilindriche; tibie con 1 solo sperone apicale; speroni mediani e posteriori a forma di S, finemente pettinati dorsalmente.

Metasoma (ovvero l’addome visibile, escludendo il propodeo) con sei tergiti visibili (T-I, T-II, etc.) con una costrizione fra il primo e il secondo tergite, maggiormente visibile in visione sternale.

Methocha latronum (Guichard, 1972) – descrizione della femmina

Methocha latronum, habitus (Guichard, 1972).

La specie è stata istituita sulla base di quattro piccole femmine (3.75 – 5.0mm), con habitus irsuto con abbondanti peli bianchi, puntuazione superficiale complessivamente abbondante; testa e metasoma neri splendenti, ma, almeno in alcune aree, con rugosità; clipeo senza tubercoli; antenne rossastre con pedicello e 5-6 flagellomeri apicali più scuri; mesosoma rosso opaco con spiracoli propodeali nascosti dalla rugosità.

Rispetto alla descrizione originale (Guichard, 1972), la femmina di latronum della Sardegna mostra una dimensione maggiore (6.5mm) e un habitus completamente opaco, senza riflessi brillanti.

Rispetto alle femmine di articulata, la femmina di latronum della Sardegna è notevolmente opaca, con tegumenti opachi, scolpiti e densamente pubescenti; la puntuazione sul vertice della testa mostra un diametro medio che è doppio e più denso: i singoli punti sono interspaziati da aree scolpite invece che dalle tipiche aree lisce. La pubescenza sulla testa è più lunga e più densa che in articulata, e misura in latronum fino a 4.5 MOD.

Il diametro dei punti sul mesosoma è da 1.6 a 2.5 maggiore in latronum che in articulata, misurando fino a 1.0 MOD, con pubescenza fino a 3.7 MOD. Il pronoto di latronum mostra una depressione mediana profonda, larga 1.8 MOD e lunga 3/4 della lunghezza del pronoto; ad eccezione del mesotorace centrale, gli interspazi sul resto del mesosoma sono striati e irregolarmente scanalati, non così lisci come in articulata.In entrambe le specie la punteggiatura del metasoma è più fine che nel resto del corpo e i rispettivi diametri non sono sensibilmente diversi (0.2-0.4 MOD); in ogni caso, solo pochi punti sparsi sono visibili in articulata e il metasoma appare quasi lucido e glabro, mentre in latronum i punti per area sono più densi, la pubescenza associata è densa e lunga (fino a 4.3 MOD) e gli interspazi sono finemente striati con una tendenza irregolare, sia sui tergiti che sugli sterniti.

Il primo tergite addominale è nero in articulata, parzialmente rossastro in latronum (rossastro dorsalmente nella metà anteriore, interamente rossastro in visione sternale. S-VI più largo in latronum che in articulata.

Confronto fra Methocha articulata (Latr.) e Methocha latronum (Guich.)

articulata (Latreille, 1792)
carattere
latronum (Guichard, 1972)
lucido e brillante
habitus
scolpito e opaco
sparso e fine
punteggiatura
irregolare, densa e grossolana
sparsa e corta
pubescenza

densa e lunga (fino a 4,5 MOD)

lisci o con punti deboli
interspazi

striati e scolpiti

presente
tubercolo sul clipeo
assente
convesso
pronoto

convesso con una lunga depressione mediana

visibili
spiracoli propodeali
nascosti dalla rugosità
interamente nero
T-I
rossastro nella metà anteriore
interamente nero
S-I
interamente rossastro
stretto
S-VI
largo

Dichiarazione su copyright, autore e proprietà

Tutti i contenuti di questa pagina sono copyright ©️ Chrysis.net se non diversamente specificato - si prega di consultare i singoli casi per dettagli sulla paternità e sul copyright. Gli esemplari nelle foto provengono dalle collezioni personali degli autori o di altri collaboratori e dalle collezioni di vari musei. Salvo diversamente specificato, l'intero contenuto di questo sito Web è a scopo personale, non commerciale, scientifico ed educativo con giusto accredito alla pagina da cui è stato derivato, e conformemente ai Termini e condizioni di Chrysis.net.

Per citazioni

Agnoli G.L. (2020) Morfologia delle vespe del genere Methocha, in: Chrysis.net website. Interim version 01 October 2020, URL: https://www.chrysis.net/it/risorse/methocha/morfologia/.